IMBOSCATE ANTISPECISTE TRA ALLLEANZA ED ESCLUSIONE

15 Ago

allocco

1
Più ti avvicini al muro e più ti accorgi di quanto è alto

Un pensiero, un’idea, una teoria, un progetto politico, una pratica sociale hanno la felice caratteristica di muoversi in una direzione. In molti casi, per di più, questa direzione conduce ad un obbiettivo.

Non sempre l’obbiettivo è così chiaro a chi già comincia a muoversi lungo una direzione. A volte infatti si percepisce l’essenza di un’ingiustizia senza riuscire ad immaginare fin dove sarà possibile spingersi, fin dove desideriamo che la libertà faccia il suo corso. Ma può capitare di cominciare a riflettere e ad agire ugualmente perché vediamo comunque e con chiarezza una direzione che, in molti casi, è già stata tracciata da altri.

Lungo il percorso, in effetti, può accadere di tutto. Il panorama può cambiare radicalmente mostrando aspetti che prima, quando eravamo al principio, non avevamo neppure considerato, non riuscivamo neanche a vedere. E allora diviene importante saper abbandonare le vecchie identità e le vecchie certezze, saper trasformare e trasformarsi senza mai perdere di vista l’obbiettivo.

Il concetto di Liberazione Animale è facile e intuitivo.
Lo si può abbracciare con trasporto sin dall’adolescenza. Ma più ti ci addentri e più si complica. Per ogni passo in avanti che effettui ti accorgi di come l’obbiettivo sia sempre più lontano. Più ti avvicini al muro e più ti accorgi di quanto sia alto, di quanto stia regolando la tua stessa esistenza, di quanto tu stesso sia coinvolto direttamente in ciò che inquadri come ingiustizia da superare.

Ma non è solo questa la frustrazione e la difficoltà, perché più lo descrivi, questo muro, più cerchi di raccontare quello che hai scoperto per cercare una soluzione collettiva e condivisa, e meno riuscirai a farti ascoltare. Più la tua musica si discosta dalla trasmissione emessa in mondovisione e meno sarà orecchiabile, armonica, accettabile.

2
Un sentiero in equilibrio tra esclusione e alleanza.

Se diventi vegan escludi i prodotti di origine animale.
Se cerchi di avviare una rete per la diffusione di prodotti etici, dovrai escludere dal tuo progetto una grande quantità di prodotti e di produttori.
Se sostieni una pratica fondata sull’apertura e il mutuo appoggio dovrai escludere ogni forma di xenofobia, razzismo, sessimo…

L’esclusione è l’indispensabile motore che consente qualsiasi decisione, è il mezzo fondamentale che permette di crescere e di scegliere, di procedere in una direzione, di provare a raggiungere un obbiettivo.

Certo, si potrà anche evitare di escludere, visto che si tratta di una pratica scomoda che può farci apparire antipatici ed intransigenti, ma il risultato sarà l’immobilismo e il qualunquismo, la ben nota e fasulla pace senza giustizia.

La Liberazione Animale, però, è un obbiettivo sociale e collettivo e, di conseguenza, per raggiungerlo è anche indispensabile procedere con alleanze e una sempre più larga inclusione

Perché un obbiettivo sociale e collettivo come la Liberazione Animale non è una guerra che prevede l’individuazione di un nemico ed il suo conseguente annientamento, o il suo assoggettamento alla nostra visione del mondo, né, ancor meno, è una religione che prevede una conversione di massa a determinati comandamenti calati dall’alto e rappresentativi di una divinità a cui ci si deve piegare.

Più che altro, la Liberazione Animale, la inquadriamo in un continuo e dinamico mutamento della coscienza collettiva, in una lotta ininterrotta ai caposaldi del condizionamento globale che regge una scontata mentalità antropocentrica. Un assalto ai simboli, ai sistemi, alle economie, alle tradizioni, in breve un capovolgimento radicale del nostro modo di percepire il mondo, del nostro modo di definire l’umano: animale superiore; del nostro modo di visualizzare e concepire “il proprio dell’uomo”: maschio, bianco, occidentale, eterosessuale…

E un mutamento collettivo di questa portata può solo essere il frutto di aperture, inclusioni, alleanze, ma ovviamente anche di una continua esclusione.

Un apparente paradosso che spesso viene buttato sul tavolo di interminabili discussioni per accusare un generico “movimento antispecista” di essere immobile, giudicante, autoreferenziale, incapace di comunicare. Questo per il solo fatto che cerca di praticare l’inclusione attraverso continui tentativi di alleanze pur mantenendo ferma la direzione e l’obbiettivo della Liberazione Animale, pur operando le indispensabili esclusioni che gli consentono di crescere, di espandersi, di progettare e sperimentare l’assalto a quell’altissimo muro.

L’inclusione è sempre riferita agli individui.
L’esclusione, al contrario, è riferita alle idee, ai progetti, alle convinzioni, ai condizionamenti.

L’alleanza è il riconoscimento di una lotta sorella, di un movimento che procede all’assalto di quel muro, che percepisce e condivide lo stesso sgomento di fronte al dominio dei corpi, della loro domesticazione, manipolazione e mercificazione; che sente su di sé l’ingiustizia e la violenza perché la subisce e quindi la conosce, e perché solo così è possibile farsene carico veramente, sentirsene coinvolti anche quando apparentemente non ti riguardano.

Quando queste intense realtà sono presenti trovi anche una feconda predisposizione all’ascolto, una congenita attitudine al rinnovamento, al ribaltamento, al riconoscimento e all’abbandono dei privilegi, trovi il terreno adatto per il reciproco arricchimento dei percorsi che diventano un brulicare, un lievitare che crea dimensioni non immaginate e non immaginabili dalla tranquilla e comoda e sicura posizione precedente. E quando tutto ciò si verifica crollano in un botto felice le identità, le appartenenze, le distinzioni.

L’alleanza NON è una rinuncia alla direzione e all’obbiettivo per cercare di adattarsi meglio alla realtà specista imposta da quel muro, per cercare di “far funzionare comunque un progetto”, per cedere al solito e ritrito ribaltamento commerciale e spettacolare di ogni slancio nella direzione opposta.

Non faremo passi verso la Liberazione Animale ascoltando i “bisogni e i desideri” degli allevatori, assecondando i tragici trabocchetti della carne felice o delle galline libere, i ridicoli psicofarmaci pseudoclandestini per una nuova generazione di consumatori. Li faremo, casomai, cercando di ascoltare, comprendere e valorizzare i bisogni, i messaggi e i desideri delle loro vittime e dei loro prigionieri. Non saremo più tolleranti e inclusivi se accetteremo le ragioni di chi insiste con il dominio antropocentrico. Lo saremo, casomai, se riusciremo ad introdurre in questo scenario anche gli animali, se riusciremo ad esser complici della loro resistenza, se riusciremo a metterci in gioco così tanto da far sentire che quelle ribellioni e quelle evasioni sono l’ingrediente essenziale per un possibile e concreto cambiamento collettivo.

E allora, forse, può risultare un po’ più chiaro come l’accusa al “movimento antispecista” di essere immobile, giudicante, autoreferenziale, incapace di comunicare è un’accusa inesorabilmente specista perché è frutto di un’analisi rivolta esclusivamente all’umano.

Introdurre il non umano, richiedere considerazione per il non umano, invitare sulla scena il non umano, viverlo e vederlo come protagonista e compagno di strada (e non solo come oggetto da preservare, proteggere, difendere e controllare sulla base di una umana virtù religiosa o moralmente laica), prevede un nuovo livello di contrattazione, una diversa dimensione del dialogo, una profonda espansione dei concetti di tolleranza e inclusione, un tuffo acrobatico e creativo nell’indistinzione.

E a quanto sembra, anche i più tiepidi tentativi, i più leggeri e azzardati movimenti per sondare sprazzi di concretezza oltre l’umano e imperante pensiero unico, risulteranno inesorabilmente e inevitabilmente, agli occhi e alle orecchie di chi resta ben piantato nel suo castello, esagerati, pretenziosi, giudicanti, escludenti… Chi indica l’uscita di sicurezza sarà sempre guardato con aria di sufficienza da chi non ha alcuna intenzione di uscire.

Fecondi approcci di alleanza si stanno giocando, oggi, nelle dimensioni anarchiche, nei mondi queer, tra le crepe dell’antipsichiatria, nei vicoli delle lotte alla nocività, nelle demolizioni creative delle pedagogie libertarie.

Poch* lo sanno, poch* lo sentono, poch* sono disponibili ad assecondare danze così strane e poco rassicuranti. Ma che altro dovremmo fare? Ritornare sulle tradizionali posizioni speciste che diedero origine a queste particelle di luce? Ricercare complicità con chi lavora costantemente per spegnerle, con chi si spaventa per la loro intensità, con chi si annoia perché preferisce non vedere la loro sottile bellezza?

Dovremmo restare avvinghiati alle radici o tentare il distacco per l’assalto al cielo? Dovremmo continuare ad usare le vecchie grammatiche per essere più facilmente accettat*, o scommettere su una diversa musica per s/concerti da suonare senza permesso?

3
Nuove parole e nuove orecchie

L’alleanza presuppone e prevede un reciproco interesse, una connessione di compassioni, una convergenza di relazioni, un comune linguaggio naturalmente proiettato verso l’uscita. Non una saggezza o un’intelligenza fuori dal comune, ma l’azzardo di superare se stess*, ciò che il mondo si aspetta da noi stess*. L’ardire di liberarsi liberando, di approfondire e ricercare. Solo così, infatti, sarà possibile sorreggersi a vicenda, prendersi al volo durante gli indispensabili e acrobatici salti mortali che conducono verso la Liberazione Animale, che diventano l’unico movimento possibile quando il percorso non è più una strada né un sentiero, ma diventa un volo senza più punti di riferimento, senza la rete sicura delle certezze antropocentriche, quando il terreno preoridinato e imposto vacilla e si alza il vento delle sperimentazioni e dei tentativi.

L’alleanza è reciproca comprensione, compassione, condivisione. Una variante affascinante e strategica dell’amore, un colpo di fulmine che genera la connessione telepatica, che permette la moltiplicazione delle energie, delle idee, delle azioni, che consente lo sviluppo di una consapevolezza collettiva sempre più estesa, ciò che un tempo si definiva coscienza politica.

Perché se è vero che abbiamo bisogno di storie diverse e di nuove parole per raccontarle, è anche vero che c’è ancor più bisogno di orecchie, occhi e mani disposte ad accoglierle e a trovare l’estro per arricchirle, cucirle e scucirle nel vasto territorio dell’infosfera globale. Abbiamo bisogno di quella leggera disobbedienza viscerale che ti permette di abbandonare tutto, di cancellare in un soffio l’intera lavagna per cominciare a riscrivere un altro mondo in un altro modo. Che è l’indispensabile coraggio richiesto per morire e rinascere.

Ma non piano piano però… qui e ora, tutto e subito, con la passione, la compassione, la costanza e la determinazione delle basse velocità. Non in un futuro ipotetico, ma in un presente che è presenza, in una resistenza che è esistenza. Senza false promesse e senza attese di un avvenire che non ci sarà, di un futuro ormai spento e divorato da tempo.

Perché si vive una volta sola!

Annunci

4 Risposte to “IMBOSCATE ANTISPECISTE TRA ALLLEANZA ED ESCLUSIONE”

  1. Maria Grazia Sereni agosto 15, 2015 a 3:50 pm #

    Sono rimasta colpita dalla passione che mettete nel comunicare le vostre idee (che sono in un certo senso anche le mie). Condivido e non trovo critiche da farvi. Anch’io mi batto da anni per comunicare (tramite i miei libri) un mondo dove gli animali abbiano voce e diritti. Anch’io sono indipendente, anzi dipendo solo da me stessa e dall’empatia che mi procura notti insonni quando vedo i cadaveri animali nei piatti delle persone. Complimenti, vi sono vicina
    Maria Grazia Sereni

  2. Giovanni agosto 25, 2015 a 8:34 pm #

    Si continua a mischiare il razzismo, l’omofobia e il sessismo allo specismo. Realtà che tra loro non hanno nulla in comune, se non il fatto di strizzarsi l’occhio a vicenda per fare politica. Questo è un gravissimo danno che viene quotidianamente inflitto al vero antispecismo.

    • trogloditatribe agosto 25, 2015 a 9:59 pm #

      Solo per fare un minimo di chiarezza sul significato delle parole:

      Il termine specismo fu coniato nel 1970 dallo psicologo britannico Richard Ryder, per calco da razzismo e sessismo, con l’intento di descrivere in particolare gli atteggiamenti umani che coinvolgono una discriminazione degli individui animali non umani, inclusa la concezione degli animali come oggetti o proprietà. (tratto da wikipedia)

      Secondo Singer, specismo è:
      «Un pregiudizio o atteggiamento di prevenzione a favore degli interessi dei membri della propria specie e a sfavore di quelli dei membri di altre specie».

      Sempre Singer ritiene lo specismo parte integrante di quella lunga serie di violazioni del principio di eguaglianza, che hanno nel razzismo e nel sessismo le loro espressioni intra-specifiche più note:
      «Il razzista viola il principio di eguaglianza attribuendo maggior peso agli interessi dei membri della sua razza qualora si verifichi un conflitto tra gli interessi di questi ultimi e quelli dei membri di un’altra razza. Il sessista viola il principio di eguaglianza favorendo gli interessi del proprio sesso. Analogamente, lo specista permette che gli interessi della sua specie prevalgano su interessi superiori dei membri di altre specie. Lo schema è lo stesso in ciascun caso»

      Detto questo, e fermo restando che il pensiero antispecista si è molto evoluto e complicato da queste sue pur così recenti origini, risulta alquanto singolare sostenere che non ci sia niente in comune tra razzismo, sessismo, omofobia e specismo. L’analogia è talmente ovvia che gli stessi filosofi che inventarono la parola “specismo” la fecero immediatamente notare.
      Più avanti, poi, si è anche scoperto (soprattutto grazie agli studi della filosofa e attivista antispecista Pattrice Jones) che non si tratta semplicemente di analogia ma di un vero e proprio sistema di intersezione delle discriminazioni. In altre parole, queste ingiustizie sono talmente correlate tra loro da rendere impossibile la risoluzione di una senza risolvere le altre.
      Ma, in effetti, non è necessario spingersi così avanti per comprendere l’analogia, la stessa radice, la stessa violazione del principio di uguaglianza, la stessa manifesta intolleranza rispetto all’altro da sé che risulta inevitabile per la pratica del razzismo, del sessismo, come dello specismo.

      • trogloditatribe agosto 25, 2015 a 10:27 pm #

        A proposito, è anche molto interessante quello che dice Annamaria Rivera, docente di Etnologia e Antropologia sociale all’Università di Bari, saggista e scrittrice,
        Sulla correlazione tra razzismo, sessismo e specismo, ha spiegato in un’intervista:
        «Quando analizzi come agiscono i processi di reificazione degli “altri”, non puoi non considerare la reificazione degli animali. E se analizzi la tendenza ad animalizzare gli umani “altri” che agisce nel razzismo, finisci per considerare la bestializzazione dei non umani che agisce nello specismo. […] Non credo che le donne in quanto tali abbiano una speciale sensibilità, come si dice. Penso che sia anzitutto l’esperienza dell’essere dominate e spesso ridotte a oggetti che potrebbe portarle a comprendere la condizione degli animali non umani.»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: